semi femminizzati

Come coltivare semi di marijuana femminizzati


I semi di cannabis femminizzati sono generalmente preferiti da molte persone a causa dei loro risultati sorprendenti. I semi di marijuana femminizzati sono noti anche come “marijuana ibrida” incrociata con la cannabis. La coltivazione di semi di cannabis femminizzati richiede pochissimi strumenti. Inoltre producono risultati molto migliori rispetto alla marijuana ordinaria. Il processo di femminilizzazione, che si chiama trasformazione, è un processo di riproduzione naturale mediante il quale una particolare specie di pianta di cannabis viene utilizzata nella produzione di piante di cannabis femminizzate.

Le piante di marijuana femminizzate producono piante altamente uniformi che hanno molte delle caratteristiche delle normali piante di marijuana. Ciò è dovuto al fatto che le piante vengono geneticamente modificate inserendo un cromosoma sessuale maschile nel cromosoma sessuale femminile. Questo crea una pianta di marijuana ibrida che ha tutte le caratteristiche di entrambi i sessi della pianta di cannabis.

I semi di cannabis femminizzati offrono molti vantaggi rispetto ai semi normali. Il vantaggio principale di questo tipo di marijuana è che le piante tendono a produrre rese molto più elevate rispetto ai semi normali. Anche i semi di marijuana femminizzati spesso producono piante più uniformi rispetto ai semi standard. Per i coltivatori più avanzati, i semi femminizzati rendono molto facile coltivare marijuana di qualità.

Il processo di femminilizzazione è facile da fare perché la pianta viene semplicemente presa dal vaso e trasferita in un sacchetto di carta. Il processo di diserbo dovrebbe essere eseguito in due fasi. La prima fase del processo viene definita taglio parziale e la seconda fase viene definita taglio completo.

I semi di cannabis femminizzati possono essere radicati nel terreno o piantati in vasi o contenitori di plastica. Molte persone preferiscono piantare il seme direttamente nel terreno in modo che cresca in un vaso grande e abbia un bel grande spazio aperto in cui stendersi. Questo metodo di coltivazione è anche molto più facile per i principianti, che non hanno preoccuparsi di prendersi cura delle piante quando crescono.

Molte persone non preferiscono coltivare piante di marijuana in vasi grandi perché scoprono che le piante occupano troppo spazio, soprattutto nelle stanze piccole. o appartamenti. Tuttavia, le piante di marijuana piantate in vasi grandi possono anche essere tenute nella stessa stanza, ma stanze più piccole che non sono state progettate pensando a quello stile di crescita.

Alcune persone preferiscono piantare il seme direttamente nel terreno e lasciare che la pianta cresca lì. Altri useranno un sistema idroponico in cui una soluzione nutritiva idroponica viene aggiunta al terreno per fornire un ambiente perfetto per la crescita del seme. I tipi più popolari di sistemi idroponici per la coltivazione di semi di marijuana femminizzati includono il mezzo idroponico e il suolo. Questi metodi forniscono le giuste condizioni per la crescita del seme e aiutano la pianta a crescere sana e veloce.

La marijuana femminizzata cresce meglio in un’area del giardino ben drenata, sabbiosa e umida. La pianta di marijuana dovrebbe essere mantenuta sempre calda e avere abbastanza acqua per mantenerla ben irrigata. Non dovrebbe mai essere esposto alla luce solare diretta, o il terreno non dovrebbe mai diventare troppo secco.

La principale differenza tra la cannabis femminizzata e quella normale è il processo di femminilizzazione. Se scegli la varietà normale, la varietà femminizzata non sarà fecondata, né la marijuana femminizzata sarà potata o sgusciata. La marijuana femminizzata viene raccolta al momento della fioritura, quando la pianta è ancora in fase di crescita. Ciò significa che le foglie non vengono raccolte.

Molti coltivatori non raccolgono la pianta fino a quando non è alta circa 6 pollici e le foglie sono molto piccole. Questo li rende facili da propagare tramite la clonazione. Dopo la clonazione, le piante vengono ripiantate in vasi o contenitori di plastica in modo che i cloni possano crescere non appena vengono prodotti. I cloni possono essere piantati in giardino subito dopo la raccolta, il che manterrà la pianta in crescita anche se non hai accesso a uno spazio di fioritura.

La potenza dei semi femminizzati dipende dal ceppo di marijuana da cui provengono. Alcuni dei ceppi più potenti produrranno i semi più forti, ma altri non produrranno affatto semi. Se stai iniziando con una pianta che non è un ibrido, potresti voler coltivarla in un diverso tipo di vaso o contenitore per un po ‘prima di piantare.

Le piante di marijuana femminizzate di solito hanno un periodo di fioritura più breve rispetto alla marijuana normale. Tuttavia, questo breve periodo di fioritura può essere accorciato coltivandole all’inizio sotto una finestra soleggiata o portandole all’aperto durante i freddi mesi invernali. Se hai intenzione di coltivare questi semi in casa, assicurati di coltivarli in vaso su una finestra fredda in un luogo che riceve abbastanza sole.